Dott.ssa Beatrice Pavoni

Tutto fumo e niente arrosto: smetti di fumare!

Lug 1, 2020 | Come fare per...

Oscar Wilde diceva: “La sigaretta è il tipo di piacere perfetto: è squisita e lascia soddisfatti”

Se sei un fumatore, sai di cosa sto parlando. Fumare è un piacere, soprattutto in alcuni momenti della giornata o in alcune situazioni sociali che lo alimentano.

Ma sappiamo che non è un piacere privo di rischi: so anche sei informato circa le conseguenze, però perdonami se ci tengo a ribadirle per chi magari ne sa meno di te.

Il Ministero della salute sostiene che in Italia la popolazione dei tabagisti è del 20% e al di sopra dei 14 anni.

La sigaretta è a tutti gli effetti una sostanza che crea dipendenza fisica e psicologica:

  • la nicotina crea la dipendenza fisica perché provoca effetti tranquillizzanti a causa dell’aumento di dopamina nel cervello.
  • psicologicamente è un piacere e si associa a momenti piacevoli e sociali, senza contare che impegna le mani e la mente di fronte a situazioni scomode o ansiose. Le conseguenze sul corpo sono tante, tra cui la sterilità, l’ingiallimento dei denti, l’affaticamento dei polmoni ….e per di più fumare grava sul tuo portafoglio.

La prova del fatto che sia una sostanza da cui dipendi, sono i sintomi dell’astinenza nel momento in cui vorresti smettere o non puoi fumare: nervosismo, ansia, rabbia sono solo alcuni degli effetti spiacevoli che provoca il non fumare; spesso si tende a sostituire quel piacere con un altro che può rivelarsi altrettanto nocivo.

E’ troppo lontano per pensarci oggi!

Hai fatto caso a come ci siano cose che ci spaventano nell’immediato e altre invece che –nonostante ne conosciamo gli effetti- non hanno lo stesso potere?

Ebbene si, non sei l’unico a pensarla cosi. Il nostro cervello non è abituato a pensare a ciò che potrebbe succedere in un futuro lontano e si basa su effetti che può valutare nel breve tempo.

Senza contare che abbiamo la tendenza a rimuovere ciò che non ci piace o ci spaventa.

Questo è uno dei motivi per cui i fumatori non smettono di fumare: nella maggior parte dei casi si smette per cause di forza maggiore (come una malattia o un periodo obbligato di astinenza) o per qualche esperienza fortemente emotiva di cui il fumo è stato la causa (come la perdita di un caro)

Poi ovviamente c’è chi ha smesso per volontà. I fumatori sono ovviamente diversi tra loro ma è possibile rintracciare qualche caratteristica comune.

3 strategie per smettere di fumare!

Se sei arrivato fino a qui a leggere, i miei complimenti. Forse la tua volontà è più ferrea di qualsiasi altro fumatore.

Ora ti dico cosa puoi iniziare a fare da solo per smettere di fumare. 

  1. Posticipa il piacere.

Arriva il momento della giornata in cui fumi la sigaretta. Bene, prendila, osservala e mettila sul tavolo. E aspetta.

Puoi scegliere di fumarla o di aspettare 15 minuti. Non ti sto dicendo che non puoi fumare, ma che puoi scegliere: fumarla subito o aspettare 15 minuti e poi fumarla.

Del resto si sa, che l’attesa aumenta il piacere!

  • Cambia abitudini

Sei abituato a fumare sempre negli stessi posti, con le stesse modalità? Bene, è giunto il momento di cambiare.

Se per esempio sei abituato a fumare dentro casa, vestiti ed esci. Cammina e arriva al primo bar utile nella tua zona. Li ti fumerai la tua sigaretta.

Se fumi sempre e solo in compagnia, prova a farlo da solo; aspetta che i tuoi amici entrino nel bar o nel ristorante e poi fuma,senza chiedere loro di aspettarti.

  • Trova il momento giusto…

E’ possibile che tu abbia un rituale della sigaretta. Mi spiego: ci saranno dei momenti durante la giornata in cui proprio non puoi farne a meno di fumare; solitamente dopo il caffè, dopo pranzo o cena, insieme a un buon bicchiere di vino.

Bene, scegli 3 momenti della giornata in cui preferisci fumare e fuma quanto vuoi. MA….al di fuori di quei momenti prestabiliti, eviti di fumare.

Se vuoi scrivimi e fammi sapere come sta andando. Mi fa piacere ricevere un tuo feedback.

Una ricerca dell’ISTAT ha dimostrato che il 90% degli ex fumatori ha smesso senza bisogno di aiuto, avendo tentato almeno 6 volte in precedenza..

In questi casi il supporto più concreto di un professionista pu essere utile per smettere in poco tempo.

Contattami!

Puoi anche usufruire della Terapia online, che ha la stessa efficacia di quella in studio!

Rimani aggiornato sulle strategie e sui consigli.

Compila il modulo “Contattami” o iscriviti alla mia Newsletter.

Bibliografia:

Ministero Della Salute (10 gennaio 2012). Attività per la prevenzione del tabagismo (su QuotidianoSanità.it)
Quotidiano Sanità (31 maggio 2012). Giornata Mondiale senza Tabacco. L’OMS dichiara guerra alle multinazionali.
Nardone G., Watzlawick P. (1990), L’arte del cambiamento, Ponte alle Grazie, Milano.

Nardone G., Salvini A. (2004), Il dialogo strategico, Ponte alle Grazie, Milano.

Articoli correlati

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivimi

2 + 8 =